Vorrei illuminarti l'anima #sweetapril issue

vorrei un avocado ogni mattina per farmi un toast con il fleur de sel alla vaniglia.


vorrei una fornitura di mirtilli.
vorrei un olivo nano, una pianta di lavanda e una di limoni sul balcone.
vorrei che il mio piede guarisse subito così ricomincerei a  camminare con la mia musica.e mi potrei fare il pedicure.
vorrei 26°C e il sole.
vorrei una giornata serena al 100%, una di quelle giornate dove tutti ti salutano con il sorriso, dove il tè al gelsomino è stato in infusione per il tempo perfetto, e il croissant alla marmellata è appena uscito dal forno, ma non caldissimo, altrimenti ci scottiamo, giusto appena tiepido che i sapori si mescolano in bocca e celebrano le papille gustative in un festival di esplosioni di gusti. Dove le uniche risposte che ricevo sono i si e i baci sono a profusione, dove dal cassetto escono sogni e soluzioni. Dove il panorama è il mare e l'unico scenario possibile è la felicità di due mani che si incrociano e di farfalle che svolazzano nello stomaco in libertà e gioia. E dove ovviamente le farfalle sono immortali, mica che a fine giornata scompaiono, no, ecco non così. Pretenzioso, lo so.
vorrei non dover nascondere di essere fatta della stessa materia dei sogni, per dirla citando qualche film o pubblicità, ora non ricordo, ma il concetto arriva chiaro.
vorrei che ogniqualvolta che vengo assalita da pensieri brutte, paranoie e e paturnie  ecco, queste si dissolvessero come il fumo che fa quando metti il pane bauletto del mulino bianco in forno e c'è una nube di alcool che esce quando apri codesto forno e ti bruciano un po' gli occhi però in un attimo rimane solo il pane caldo. e buono.
vorrei fare così, come Anna: http://andthenwesaved.com/get-out-of-debt-take-the-pledge/
vorrei che la ceretta non facesse così male.
vorrei cucinare di più.
vorrei vincere le mie enormi timidezze e abbracciare mio padre di più. anzi, riuscire a abbracciare e baciare e  dimostrare affetto e amore in pubblico.
vorrei il mare, adesso.
vorrei parlare di più con gli sconosciuti.
vorrei un bouquet di ranuncoli bianchi.
vorrei una bicicletta.
vorrei riempirmi il braccio di tatuaggi. un arcobaleno, un ferro di cavallo e il mestolo e il cucchiaio.
vorrei una maglietta a righe verticali.
vorrei essere la migliore amica di Cara Delavigne. Anzi no, ché le mie amiche sono molto più gnocche e sicuramente più simpatiche.
vorrei andare al concerto di Bon Iver e piangere mentre canta I can't make you love me e poi salire sul palco e baciargli la barba.
vorrei una cucina su un patio pieno di piccole lucine gialle.
vorrei un labrador cioccolato e vorrei chiamarlo India.
vorrei impastare un pan brioscè da mangiare a colazione.
vorrei andare a Bali e mentre tu surfi, io ti aspetto sulla sabbia leggendo un libro.
vorrei ritrovarmi con te in cucina al mattino, mentre ti preparo i pancakes e l'uovo fritto e il caffè nero e balliamo Ho Hey stretti stretti.
vorrei essere meravigliata e sorpresa e stupita da te e credere che tu mi meraviglierai e mi stupirai e mi sorprenderai, ma non accadrà perché sometimes you are not able to do whatever you want.
vorrei che tu always would be able to do what you want. And who cares about the whole universe, babe?

vorrei illuminarMI l'anima.

vorrei illuminarTI l'anima.

#sweetapril edition

#apriledolcedormire



a gipsy in the kitchen | love, food, fashion.: Vorrei illuminarti l'anima #sweetapril issue

martedì 9 aprile 2013

Vorrei illuminarti l'anima #sweetapril issue

vorrei un avocado ogni mattina per farmi un toast con il fleur de sel alla vaniglia.


vorrei una fornitura di mirtilli.
vorrei un olivo nano, una pianta di lavanda e una di limoni sul balcone.
vorrei che il mio piede guarisse subito così ricomincerei a  camminare con la mia musica.e mi potrei fare il pedicure.
vorrei 26°C e il sole.
vorrei una giornata serena al 100%, una di quelle giornate dove tutti ti salutano con il sorriso, dove il tè al gelsomino è stato in infusione per il tempo perfetto, e il croissant alla marmellata è appena uscito dal forno, ma non caldissimo, altrimenti ci scottiamo, giusto appena tiepido che i sapori si mescolano in bocca e celebrano le papille gustative in un festival di esplosioni di gusti. Dove le uniche risposte che ricevo sono i si e i baci sono a profusione, dove dal cassetto escono sogni e soluzioni. Dove il panorama è il mare e l'unico scenario possibile è la felicità di due mani che si incrociano e di farfalle che svolazzano nello stomaco in libertà e gioia. E dove ovviamente le farfalle sono immortali, mica che a fine giornata scompaiono, no, ecco non così. Pretenzioso, lo so.
vorrei non dover nascondere di essere fatta della stessa materia dei sogni, per dirla citando qualche film o pubblicità, ora non ricordo, ma il concetto arriva chiaro.
vorrei che ogniqualvolta che vengo assalita da pensieri brutte, paranoie e e paturnie  ecco, queste si dissolvessero come il fumo che fa quando metti il pane bauletto del mulino bianco in forno e c'è una nube di alcool che esce quando apri codesto forno e ti bruciano un po' gli occhi però in un attimo rimane solo il pane caldo. e buono.
vorrei fare così, come Anna: http://andthenwesaved.com/get-out-of-debt-take-the-pledge/
vorrei che la ceretta non facesse così male.
vorrei cucinare di più.
vorrei vincere le mie enormi timidezze e abbracciare mio padre di più. anzi, riuscire a abbracciare e baciare e  dimostrare affetto e amore in pubblico.
vorrei il mare, adesso.
vorrei parlare di più con gli sconosciuti.
vorrei un bouquet di ranuncoli bianchi.
vorrei una bicicletta.
vorrei riempirmi il braccio di tatuaggi. un arcobaleno, un ferro di cavallo e il mestolo e il cucchiaio.
vorrei una maglietta a righe verticali.
vorrei essere la migliore amica di Cara Delavigne. Anzi no, ché le mie amiche sono molto più gnocche e sicuramente più simpatiche.
vorrei andare al concerto di Bon Iver e piangere mentre canta I can't make you love me e poi salire sul palco e baciargli la barba.
vorrei una cucina su un patio pieno di piccole lucine gialle.
vorrei un labrador cioccolato e vorrei chiamarlo India.
vorrei impastare un pan brioscè da mangiare a colazione.
vorrei andare a Bali e mentre tu surfi, io ti aspetto sulla sabbia leggendo un libro.
vorrei ritrovarmi con te in cucina al mattino, mentre ti preparo i pancakes e l'uovo fritto e il caffè nero e balliamo Ho Hey stretti stretti.
vorrei essere meravigliata e sorpresa e stupita da te e credere che tu mi meraviglierai e mi stupirai e mi sorprenderai, ma non accadrà perché sometimes you are not able to do whatever you want.
vorrei che tu always would be able to do what you want. And who cares about the whole universe, babe?

vorrei illuminarMI l'anima.

vorrei illuminarTI l'anima.

#sweetapril edition

#apriledolcedormire



12 Commenti:

Alle 9 aprile 2013 16:50 , Anonymous Anonimo ha detto...

e se invece di aspettare sulla spiaggia leggendo tu imparassi a surfare?lo sai che se vuoi hai un buon maestro,con barba capelli lunghi e tatuaggi come piace a te!
Kisses

 
Alle 9 aprile 2013 18:37 , Anonymous Anonimo ha detto...

Alice..
vorrei che le persone si innamorassero di quello che già hanno, ridessero degli imprevisti, e scoprissero finalmente che la vita é bella sempre, anche se non è perfetta, se non è pianificata né studiata nei minimi particolari.
Perché basta un sorriso per cambiare il mondo che ci circonda e cambiare la percezione che il mondo ha di noi.

hastalavista
Un ragazzo inflazionato

 
Alle 9 aprile 2013 20:51 , Blogger Alem ha detto...

be still.

 
Alle 10 aprile 2013 10:09 , Blogger alice ha detto...

:)
occhei va bene. ci provo.
poi al massimo se cado, nuoto.
basta non ci siano squali in prossimità...

 
Alle 10 aprile 2013 10:10 , Blogger alice ha detto...

hai proprio ragione.
ciao ragazzo inflazionato.
(poi se vuoi spiegarmi il perchè dell'inflazionato: alice.agnelli@me.com)

 
Alle 10 aprile 2013 10:11 , Blogger alice ha detto...

standing still.
ciao amica.

 
Alle 10 aprile 2013 10:21 , Anonymous A...lessandra ha detto...

tu non lo sai ancora, ma un paio dei tuoi vorrei si esaudiranno questo luglio in Puglia...<3
per tutti gli altri, mi piacerebbe strizzare gli occhi, scuotere il nasino e farti recapitare tutto in ufficio dalla spiaggia di bali a lui barbuto e tatuato :D

tvb

 
Alle 10 aprile 2013 10:49 , Anonymous Anonimo ha detto...

:) è semplicemente una parola che perfettamente riassume i miei comportamenti di questi ultimi mesi.
E pensare che mi è stata appena appiccicata addosso da una donna particolare, che mi ha visto 120 minuti in vita sua.

hastalavista
Un ragazzo inflazionato

 
Alle 10 aprile 2013 12:12 , Blogger alice ha detto...

<3
aspetto anche il barbuto e tatuato allora!
ahahahah amica meno male ci sei tu!

 
Alle 10 aprile 2013 12:13 , Blogger alice ha detto...

120 minuti per dirti che sei inflazionato?
mmmm.
sono curiosa.
dimmi di più.

 
Alle 15 aprile 2013 12:57 , Anonymous Anonimo ha detto...

arriva il sole, piano. preceduto dalle primavera.
arriva un giardino pieno di margherite bianche pensate per la tua felicità.
e finalmente il tempo vola, credimi e tutto sembrerà facile, fin troppo.

 
Alle 15 aprile 2013 13:27 , Blogger alice ha detto...

grazie mamma. le margherite bianche mi hanno scaldato il cuore in questo weekend di lacrime. ti voglio bene
( ma mamma firmati però!!)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page