L'atelier del cuoco- From marieclaire.it with love


"Per un desiderio che esprimi te ne rimangono fuori altri cento."


Tante persone, in questo modo fatto di glitter e show off, si arrabbiano per banalità, un momento sei "top", il momento dopo sei "out".
E' che a volte rimango basita da quanto le persone siano superficiali e cattive.Ed è questo nel mio lavoro, nell'ambiente che frequento, che mi lascia perplessa, basita, attonita.
Così, senza motivo che non sia legato alle Lune di traverso.
E invece non dovrebbe essere così: perché poi a furia di dar retta a tutti, finisci che non dai retta più a te stessa.
Che la vita è una e volte bisognerebbe avere abbastanza coraggio per perseguire ciò che in realtà si vuole fare davvero, senza snaturarci e senza disperderci.
Che forse poi le persone più aggressive sono quelle che hanno bisogno di più dolcezza.
Che poi forse a volte basterebbe strappare tutti questi pensieri negativi dalla nostra testa, questi brutti pensieri che si appiccicano al cervello.


E' che a volte basta veramente poco per rendere le cose semplici e quindi, stupende.
E' che a volte quando fai programmi, succede che la Vita si arrabbia.
E ti tocca piangere, ubriacarti, balllare, e poi infine tornare a essere la vera tu, poi si può ripartire.
Si può ricominciare a dare.
Si ricomincia a vivere e a condividere.
A emozionarsi.
Succede che accettiamo l'amore che crediamo di meritare.
Quindi bisogna che iniziamo a ricostruire una nuova immagine di noi, e pretendere, ebbene si, pretendere tanto.
Perchè noi siamo cuori che amano forte, e basta un po' di dolcezza e ci porti via.
Succede che San Valentino è qui.
Succede che purtroppo questo mondo è pieno di cuori infranti.
Ma anche di cuori belli, di anime luminose, che non si scoraggiano e sono pronte a sorridere di nuovo, con occhi ancora più lucidi e labbra ancora più baciabili.
Accade che i lamponi adesso sono sempre buoni, e li trovi ad ogni stagione.
E accade anche che per caso ti imbatti in un blog, dove vedi come vorresti che la tua Vita fosse.
Una fuga in un paesino francese di una famiglia.
Tutti con facce sorridenti, serene.
La cucina e il cibo come progetto.
Il connettersi con i veri propri valori e i desideri del cuore, la missione e l'obbiettivo.
Una stanza piena di pentole e servizi di piatti.
Una macchina fotografica e pura poesia che traspare da ogni video.
Semplice, in una parola.
E allora a noi cuori sognatori e viaggiatori, ci mettiamo un nano secondo a correre con l'immaginazione.
Anche io vorrei una vicina di casa che si chiama Madame Louise e raccogliere rapanelli con lei, per cucinare vellutate dal sapore antico.






Una ricetta, quindi.
From marieclaire.it with love
Tutta dedicata a questo blog e a cosa mi ispira guardandolo.

Ciambella con banana, cranberries profumata all'amandine

160 gr di burro
160 gr di zucchero a velo
1 cucchiaio di aroma alla mandorla
225 gr di farina
4 uova
un cucchiaino di lievito
cranberries
1 banana
rhum

Scaldare il rhum con i cranberries e la banana e portare a ebollizione.
Burro a pomata, unire lo zucchero a velo e aggiungere, uno alla volta, le uova.
Aggiungere farina e lievito setacciati e infine i cranberries, la banana e 1 o 2 tappi di rhum, e il cucchiaino di aroma alla mandorla.
Infornare nell'apposito stampo: 180°C per un'ora.

oggi mi trovate anche qui
http://www.marieclaire.it/Cucina/Il-blog-di-Alice-Agnelli



a gipsy in the kitchen | love, food, fashion.: L'atelier del cuoco- From marieclaire.it with love

mercoledì 6 febbraio 2013

L'atelier del cuoco- From marieclaire.it with love


"Per un desiderio che esprimi te ne rimangono fuori altri cento."


Tante persone, in questo modo fatto di glitter e show off, si arrabbiano per banalità, un momento sei "top", il momento dopo sei "out".
E' che a volte rimango basita da quanto le persone siano superficiali e cattive.Ed è questo nel mio lavoro, nell'ambiente che frequento, che mi lascia perplessa, basita, attonita.
Così, senza motivo che non sia legato alle Lune di traverso.
E invece non dovrebbe essere così: perché poi a furia di dar retta a tutti, finisci che non dai retta più a te stessa.
Che la vita è una e volte bisognerebbe avere abbastanza coraggio per perseguire ciò che in realtà si vuole fare davvero, senza snaturarci e senza disperderci.
Che forse poi le persone più aggressive sono quelle che hanno bisogno di più dolcezza.
Che poi forse a volte basterebbe strappare tutti questi pensieri negativi dalla nostra testa, questi brutti pensieri che si appiccicano al cervello.


E' che a volte basta veramente poco per rendere le cose semplici e quindi, stupende.
E' che a volte quando fai programmi, succede che la Vita si arrabbia.
E ti tocca piangere, ubriacarti, balllare, e poi infine tornare a essere la vera tu, poi si può ripartire.
Si può ricominciare a dare.
Si ricomincia a vivere e a condividere.
A emozionarsi.
Succede che accettiamo l'amore che crediamo di meritare.
Quindi bisogna che iniziamo a ricostruire una nuova immagine di noi, e pretendere, ebbene si, pretendere tanto.
Perchè noi siamo cuori che amano forte, e basta un po' di dolcezza e ci porti via.
Succede che San Valentino è qui.
Succede che purtroppo questo mondo è pieno di cuori infranti.
Ma anche di cuori belli, di anime luminose, che non si scoraggiano e sono pronte a sorridere di nuovo, con occhi ancora più lucidi e labbra ancora più baciabili.
Accade che i lamponi adesso sono sempre buoni, e li trovi ad ogni stagione.
E accade anche che per caso ti imbatti in un blog, dove vedi come vorresti che la tua Vita fosse.
Una fuga in un paesino francese di una famiglia.
Tutti con facce sorridenti, serene.
La cucina e il cibo come progetto.
Il connettersi con i veri propri valori e i desideri del cuore, la missione e l'obbiettivo.
Una stanza piena di pentole e servizi di piatti.
Una macchina fotografica e pura poesia che traspare da ogni video.
Semplice, in una parola.
E allora a noi cuori sognatori e viaggiatori, ci mettiamo un nano secondo a correre con l'immaginazione.
Anche io vorrei una vicina di casa che si chiama Madame Louise e raccogliere rapanelli con lei, per cucinare vellutate dal sapore antico.






Una ricetta, quindi.
From marieclaire.it with love
Tutta dedicata a questo blog e a cosa mi ispira guardandolo.

Ciambella con banana, cranberries profumata all'amandine

160 gr di burro
160 gr di zucchero a velo
1 cucchiaio di aroma alla mandorla
225 gr di farina
4 uova
un cucchiaino di lievito
cranberries
1 banana
rhum

Scaldare il rhum con i cranberries e la banana e portare a ebollizione.
Burro a pomata, unire lo zucchero a velo e aggiungere, uno alla volta, le uova.
Aggiungere farina e lievito setacciati e infine i cranberries, la banana e 1 o 2 tappi di rhum, e il cucchiaino di aroma alla mandorla.
Infornare nell'apposito stampo: 180°C per un'ora.

oggi mi trovate anche qui
http://www.marieclaire.it/Cucina/Il-blog-di-Alice-Agnelli



16 Commenti:

Alle 7 febbraio 2013 08:48 , Anonymous Anonimo ha detto...

...Credo che le persone di valore, come te, non abbiano bisogno di alzare la voce o rinunciare alla coerenza per farsi valere. Purtroppo però, la maggior parte della gente strepita e urla perché, per prima, non ha una grn fiducia in sé stessa e ha bisogno di prevaricare. Tu sei più forte. Trattali con condiscendenza, come se fossero dei bambini che fanno i capricci...prima o poi, se sono intelligenti, si sentiranno ridicoli e si ridimensioneranno. E se non sono intelligenti...beh...poveretti :)

Tu vali. Di più.

Un bacio.

Elisa

 
Alle 7 febbraio 2013 09:40 , Anonymous Melania ha detto...

Lascia stare i brutti pensieri, le brutte parole di persone superficiali
e anche se fanno parte del gioco della vita passa avanti a testa alta e non ti curar di loro ,
lo so è difficile ma si può fare basta un po' d'impegno, un respiro profondo e poi come ci insegni tu immaginare di avere come vicina Madame Louise , l'adoro per inciso, creare una ciambella profumata e morbida proprio come noi tutte cuoricine e poi basta ,basta preoccuparsi di quello che pensano, fanno e dicono gli altri, soprattutto se gli altri vogliono colpire ed affondare qualcuno, solo per il gusto di farlo per dare un senso alla propria vita triste. E quindi armiamoci di coraggio, spalle larghe,autostima, vestiamoci di sorrisi , pronunciamo parole gentili e se sbagliamo, capita, l'importante è non aver con il nostro sbaglio fatto male a qualcuno tutto il resto si può aggiustare....

Buona giornata,
Melania.

 
Alle 7 febbraio 2013 10:10 , Blogger alice ha detto...

<3
ciao elisa!
la mia era una riflessione, un pour parler.
:)

 
Alle 7 febbraio 2013 10:11 , Blogger alice ha detto...

vestiamoci di sorrisi
<3

 
Alle 7 febbraio 2013 12:07 , Anonymous A...lessandra ha detto...

lo stress da matrimonio mi fa perdere gli Otta Post....NO GOOD!!!va bene perdere il sonno, perdere la cura di me stess, perdere cose per strada e infeltrire maglioni di fidanzato, ma perdere gli Otta Post NOOOO!

questo post è ssplendido. oggi siamo partite con te nel paesino della Francia con Madame Louise!ma quando ti decidi a scrivere il Libro?????can't wait anymore!
che favola l'abbinamento lamponi e banana!peccato io sia a dieta prematrimoniale e quindi le tue ricette verranno stampate e archiviate fra -6kg!

ti adoro petite chérie ....e non dimenticare che san valentino è la festa dell'Amore in generale....tutto l'Amore che c'è...e in questo blog ce n'è tantissimo!!!cara mia! <3

<3

 
Alle 7 febbraio 2013 14:29 , Anonymous Stefy ha detto...

Amica mia, ti leggo tutti i giorni, mi commuovo, rido e rifletto puntualmente con te!
Benvenuta LUCE! è stupenda!!!
Scusate se non commento... ma è un periodo movimentato ;-)
proverò senz'altro questa tua ricetta, e la offrirò a tutte quelle persone che si fanno problemi inutili! e che cercano di farmi venire i sensi di colpa se voglio vivere la mia vita a modo mio!
un bacio fortissimo mitica Gipsy!
Stefy

 
Alle 7 febbraio 2013 15:19 , Anonymous Anonimo ha detto...

Scusa posso chiedere a che blog ti riferisci? visto che sono un'affezionata del tuo, vorrei dare un'occhiata anche a quello che consigli! grazie per i momenti picevoli e le riflessioni che regali....ovviamente anche per le ricette ma non avevdo il tuo fisico non posso provarle tutte lol §
Giulia

 
Alle 7 febbraio 2013 16:24 , Anonymous Anonimo ha detto...

Penso che alzare la voce sia una delle cose meno eleganti per una donna. E vero che, a volte, la situazioni degenerano e la voglia di aprire le fauci e dare pieno sfogo ai polmoni è forte ma ....anche in questo il mondo è maschilista! Un uomo risulta autorevole mentre una donna è...."a piazzarola" (letto alla romana, please!).
Quindi, la prossima volta che qualcuno/a ci urla in faccia diciamogli a gran voce (ma senza urlare): "piazzarola" !! Capirà?! Nina

 
Alle 7 febbraio 2013 16:28 , Blogger alice ha detto...

ciao giulia, ecco:
http://thecooksatelier.com/
grazie per le belle cose che mi dici!<3

 
Alle 7 febbraio 2013 16:28 , Blogger alice ha detto...

pazzarola...adoro!!
mitica nina, come sempre.

 
Alle 7 febbraio 2013 16:29 , Blogger alice ha detto...

tesoro buongiorno!
com'è andato il tuo compleanno?
un abbraccio stretto!

 
Alle 7 febbraio 2013 16:30 , Blogger alice ha detto...

mancavi a..le con tutti i tuoi commenti!un post senza il tuo commento è triste!!

 
Alle 7 febbraio 2013 16:39 , Anonymous Anonimo ha detto...

Scusa, Alice. Non pazzarola ma piazzarola termine con cui i romani indicano la donna al mercato (piazza) che urla per attirare i clienti! ;-) Nina

 
Alle 7 febbraio 2013 17:41 , Anonymous A...lessandra ha detto...

amore...!

 
Alle 8 febbraio 2013 11:34 , Anonymous Stefy ha detto...

bene!!!
giornata di lavoro e serata al cinema a vedere ben due film!
al primo ho pianto come una fontana, the impossible, al secondo ho riso, django!
in genere sono sempre emozionata dal mio compleanno... quest'anno i 33 mi fanno paura!
;-)

 
Alle 8 febbraio 2013 12:56 , Blogger alice ha detto...

typo..:!
;)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page